chi-siamo-creative-illusion

Creative Illusion


Sono Andrea Marchetto, un ragazzo di 37 anni con la passione per il disegno ed in generale tutte le arti visive. Fin da piccolo ho sempre trascorso molto tempo a disegnare a mano libera.

Mi piaceva talmente tanto che riuscivo a scrivere pure all’interno dei cassetti della scrivania quando finiva la carta! Da buon adolescente degli anni novanta, ho visto e vissuto l’era in cui i personal computer sono entrati nelle case di tutti noi, assieme alle connessioni internet via cavo. Prima timidamente, poi sempre più frequentemente.

chi-siamo-creative-illusion

La mia esperienza


L’esperienza quotidiana nell’utilizzo dei personal computer, unita a questo nuovo modo di poter reperire informazione attraverso il web, ha probabilmente messo le basi per un’altra mia passione: tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Dopo aver conseguito una laurea in informatica ho deciso di approfondire il mondo della visualizzazione 3D, essendo a mio parere il naturale connubio di queste due passioni.

Ho cominciato a fare le prime esperienze in uno studio di architettura, all’interno del quale realizzavo semplici progetti 3D di visualizzazione architettonica e davo forma concreta alle idee su carta dei designer. Sono poi approdato al mondo professionale facendo esperienza all’interno di uno studio fotografico.

Qui ho lavorato a progetti di rendering per cataloghi fotorealistici, mentre seguivo con interesse le lavorazioni all’interno dei set fotografici tradizionali. Ho imparato l’arte della post produzione delle immagini che ad oggi rappresentano una fase importantissima nella realizzazione di immagini promozionali.

Essendo di mia natura piuttosto curioso e poco incline agli schemi, ho trovato naturale la scelta di diventare freelance e dare vita al progetto Creative Illusion. Molto di ciò che sono oggi è dovuto al mio impegno quotidiano nel cercare di migliorare.

Ma parte del merito va data ai miei clienti con i quali cerco di mantenere sempre un rapporto cordiale e sereno e che nel bene (e ogni tanto nel male) hanno contribuito ad accrescere la mia esperienza professionale.

Generalmente dopo un primo contatto, chiedo tutto il materiale disponibile per poter stilare un preventivo dettagliato. Dal lato pratico, potrebbero quindi essere necessarie delle piantine AutoCAD o PDF nel caso di rendering architettonici; se si tratta di realizzare oggetti attraverso la modellazione 3D, chiedo dei riferimenti fotografici ed eventualmente dei disegni quotati per aver chiare le proporzioni finali.

Dal lato meno pratico, il mio approccio con il cliente è sempre colloquiale, cerco quindi di stabilire una relazione che permetta al cliente stesso di essere parte del progetto, inviandomi spunti e riflessioni per ottenere i migliori risultati che si aspetta. Molto importante è infatti la fase di briefing, in cui analizzare anche lavori di altri, oppure riferimenti fotografici reperibili da internet. Tutto ciò serve per potermi fare un’idea previsa di cosa desidera il mio cliente.

Normalmente, una volta accettato il preventivo, chiedo un anticipo del 30% ad inizio dei lavori per far fronte ad eventuali spese e soprattutto se il progetto è complesso e richiede tempi lunghi di realizzazione.